AGCOM: CRITERI DI CONVERSIONE E ASSEGNAZIONE DEI DIRITTI D'USO DELLE FREQUENZE IN DVB-T2.


In attuazione dell’articolo 1, 
comma 1031 della legge 27 dicembre 2017, n. 205,
la delibera definisce i criteri di conversione dei diritti d’uso delle frequenze per il servizio digitale terrestredi cui sono titolari gli operatori nazionali in diritti d’uso di capacità trasmissivain multiplex nazionali di nuova realizzazione in tecnologia DVB-T2.
A tal fine è stabilito un fattore di conversione convenzionale tra le reti DVB-T e quelle DVB-T2, di applicazione generale, pari a 0,5. Contestualmente, il provvedimento definisce anche i criteri di assegnazionedei diritti d’uso delle frequenze 
in ambito nazionale pianificate dal PNAF.



Scarica il documento PDF: DELIBERA N. 129/19/CONS Clicca QUI


Tratto da: www.agcom.it


AGCOM: NUOVO PIANO DI ASSEGNAZIONE DELLE FREQUENZE DEL DIGITALE TERRESTRE.

📺
(tratto dal sito: AgCom.it)
__________________________________________________________________________
Delibera n. 39/19/CONS
Piano nazionale di assegnazione delle frequenze da destinare al servizio televisivo digitale terrestre (PNAF).


La delibera aggiorna, ai sensi dell’articolo 1, comma 1030, della legge 27 dicembre 2017, n. 205, 
come modificato dall’art. 1, comma 1103, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, 

il piano nazionale di assegnazione delle frequenze da destinare al servizio televisivo digitale terrestre (PNAF).

L’elaborazione del PNAF ha tenuto in considerazione, oltre a quanto stabilito dal citato art. 1, comma 1103, 
della legge n. 145/2018, anche delle novità introdotte nell’art. 8 del Testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici 
dai commi 1101 e 1102 relativamente alla riserva di capacità trasmissiva destinata alla diffusione di contenuti in ambito locale.
Nel dettaglio, il PNAF pianifica le frequenze per le seguenti reti digitali terrestri:

12 RETI NAZIONALI IN BANDA UHF
di cui una decomponibile per macroaree e una integrata da frequenze della banda III-VHF;

1 RETE LOCALE DI 1° LIVELLO IN BANDA UHF 
con copertura non inferiore al 90% in ciascuna area tecnica 
(ad eccezione dell’area tecnica 3 in cui sono pianificate 2 reti locali di 1° livello e 
delle sub-aree tecniche 4a e 4b in cui sono pianificate ulteriori 3 reti locali di 1° livello);

1 o PIU' RETI LOCALI DI 2° LIVELLO IN BANDA UHF
senza vincolo di copertura nel bacino di riferimento, in ciascuna area tecnica.


Le risorse frequenziali pianificate per le reti nazionali e per le reti locali 
di 1° livello sono riportate nell’allegato 1 al presente provvedimento.
Le risorse frequenziali pianificate per le reti locali di 2° livello 
sono riportate nell’allegato 2 al presente provvedimento.



Di Maio insedia il tavolo TV 4.0

(tratto dal sito: sviluppoeconomico.gov.it)


Compito del MiSE accompagnare questo processo di transizione digitale del sistema radiotelevisivo

Roma, 25 Settembre 2018. Il Ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro Luigi Di Maio ha presieduto oggi, presso il Salone degli Arazzi del MiSE, il Tavolo TV 4.0 con i rappresentanti delle Istituzioni competenti in materia, gli operatori televisivi e le associazioni di categoria.
“La principale finalità del Tavolo – ha dichiarato il Ministro - è di accompagnare questo processo di transizione digitale del sistema radiotelevisivo, coordinando le attività di rilascio della banda 700 per assicurare che il trasferimento delle frequenze avvenga senza ritardi rispetto alle scadenze stabilite e per garantire un uso efficiente dello spettro radioelettrico. Le frequenze sono infatti uno degli asset fondamentali e indispensabile per lo sviluppo del 5G”.
L’Istituzione del Tavolo TV 4.0 è stata accolta positivamente dagli operatori del settore che avevano manifestato l’esigenza di un maggior coinvolgimento nel processo di transizione digitale.
“Siamo pronti – ha sottolineato il Ministro Di Maio - a valutare interventi correttivi e/o integrativi della normativa di settore anche al fine di garantire la riorganizzazione e la competitività del sistema radiotelevisivo digitale terrestre.
È tempo che in Italia si inizi ad anticipare il futuro e a fare investimenti che vanno nell’ottica delle nuove tecnologie: la prossima 'Netflix' può essere italiana se sviluppiamo a casa nostra le piattaforme del futuro”.

Al termine dell’incontro il Ministro Di Maio ha auspicato che da questo Tavolo possano giungere riflessioni e proposte per trasformare insieme il mercato televisivo.

RAI: UN DOLORE IMMENSO. CON FABRIZIO FRIZZI SE NE VA UN UOMO STRAORDINARIO, UN GRANDE ARTISTA E UN CARO AMICO
________________________________________________________________

"Con Fabrizio se ne va un pezzo di noi, della nostra storia, del nostro quotidiano” così la Rai commenta la notizia della morte di Fabrizio Frizzi. “Non scompare solo un grande artista e uomo di spettacolo, con Fabrizio se ne va un caro amico, una persona che ci ha insegnato l’amore per il lavoro e per l’essere squadra, sempre attento e rispettoso verso il pubblico. Se ne va l’uomo dei sorrisi e degli abbracci per tutti. L’interprete straordinario del coraggio e della voglia di vivere. E’ impossibile in questo momento esprimere tutto quello che la scomparsa di Fabrizio suscita in ognuno di noi. Così la Rai tutta, con la Presidente Monica Maggioni e il Direttore generale Mario Orfeo, può solo stringersi attorno a Carlotta e alla sua famiglia in questo momento di immenso dolore.

Qui sotto Il video Omaggio a Fabrizio Frizzi creato della RAI

Articolo e Video Tratto Dal sito di RAI NEWS 24 - Clicca QUI